Questo sito contribuisce alla audience di

Kitaōji, Rosanjin

pittore, ceramista, laccatore, calligrafo giapponese (Kyōto 1883-Kita Kamakura 1959). Dopo un'infanzia travagliata, a vent'anni divenne esperto nell'incisione di sigilli di tipo arcaico. Nel 1915 si dedicò alla ceramica, con il maestro Saika Suda, e nel 1917 si trasferì a Kita Kamakura, dove visse per il resto della sua vita, producendo opere con il suo forno. Nel 1954 si recò in Europa e in America. Sebbene fosse uno dei più importanti ceramisti del suo tempo, non appartenne a nessuna scuola o gruppo particolare, per cui le sue opere (egli siglava sempre tutti i suoi pezzi) mantengono un carattere di eccezionale autenticità ed eccentricità. Produsse anche porcellane del tipo bianco e blu cinese.

Media


Non sono presenti media correlati