Questo sito contribuisce alla audience di

Maupeou, René-Nicolas-Charles-Augustin de-

uomo politico francese (Parigi 1717-Thuit 1792). Primo presidente del Parlamento (1763) e cancelliere di Francia (1768), nel 1769 ottenne la nomina dell'abate Terray come controllore generale e nel 1770, con l'aiuto di Madame du Barry e dei gesuiti, provocò la caduta di Choiseul che fu sostituito dal duca d'Aiguillon. Il triumvirato così costituito impostò una politica autoritaria che sollevò l'opposizione del Parlamento. Maupeou, nell'intento di rafforzare l'autorità regia, provocò le dimissioni del Parlamento di Parigi (dicembre 1770), fece esiliare i parlamentari ribelli (gennaio 1771) e, di fronte alla protesta del tribunale economico, soppresse anche questa istituzione (febbraio 1771); infine in aprile ristrutturò tutti i parlamenti e i tribunali, togliendo loro ogni aspetto politico. Contemporaneamente progettò una serie di riforme legislative che non furono mai applicate ma che gli procurarono l'appoggio dei riformatori. Resosi impopolare per la politica accentratrice, fu esiliato alla morte di Luigi XV (1774).

Media


Non sono presenti media correlati