Questo sito contribuisce alla audience di

Melòtti, Fàusto

scultore italiano (Rovereto 1901-Milano 1986). Laureatosi a Milano in ingegneria elettronica, nel 1934 si unì al gruppo astratto milanese, partecipando, nel 1937, alla Mostra d'arte astratta alla galleria “Il Milione” (nel 1935 aveva tenuto un'esposizione di sculture in gesso, fili di ferro e metallo nello studio di Casorati e Paulucci a Torino). Con L. Fontana, dal quale si distingue per un più accentuato purismo neoplastico, partecipò a quella ricerca nel campo non figurativo nel cui ambito si definisce la sua scultura di lucido calcolo geometrico, dove ritmi e vibrazioni di purezza musicale evocano sottili sensazioni dell'inconscio, sempre controllate, peraltro, dalla disciplina delle leggi ottico-visuali.

Media


Non sono presenti media correlati