Questo sito contribuisce alla audience di

Merino, José María

scrittore spagnolo (La Coruna 1941). Autore di vari libri di poesia (raccolti in Cumpleaños lejos de casa, 1988), ha scritto eccellenti racconti, densi e bene strutturati (Cuentos del reino secreto, 1982; El viajero perdido, 1990). Al romanzo, dopo un testo di approccio (Novela de Andrés Choz, 1976), ha dato un'ambiziosa trilogia di avventure di un immaginario spagnolo d'America (El oro de los sueños, 1986; La tierra del tiempo perdido, 1987; Las lágrimas del sol, 1988); e inoltre El caldero de oro (1981), La orilla oscura (1985), forse il più impegnativo dei suoi testi, e El centro del aire (1991) che, sempre sul filo di una sottile indagine psicologico-morale, narra di tre personaggi “grigi”, tesi alla vana ricerca di un'irrepetibile infanzia di amicizia comune. Nel 1992 ha riunito, in un unico volume Crónicas mestizas, i romanzi sulla conquista americana, e ha dato alle stampe un nuovo testo narrativo Los trenes del verano. Nel 1996 ha pubblicato il romanzo Las visiones de Lucrecia.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti