Questo sito contribuisce alla audience di

Montebèllo Iònico

comune in provincia di Reggio di Calabria (37 km), 425 m s.m., 55,67 km², 6922 ab. (montebellesi), patrono: Maria Santissima Assunta (15 agosto).

Centro del versante meridionale dell'Aspromonte, posto su una rupe dominante da destra la fiumara di Sant'Elia. Ricordato nel 1054 come casale della Baronia di Santo Nocito, venne dato a Ludovico Abenavoli, uno dei tredici della famosa disfida di Barletta. Successivamente appartenne ai Ruffo di Sinopoli, quindi a numerosi altri signori, per giungere, infine, ai Piromalli, che lo tennero dal 1757 al 1806. Nella parrocchiale di Santa Maria della Presentazione si trova una statua marmorea della Madonna col Bambino, di scuola toscana del sec. XV e due acquasantiere in marmo del sec. XIX. § Bergamotti, olive, uva, cereali e ortaggi sono i principali prodotti dell'agricoltura; è praticato l'allevamento ovino, caprino e suino, con produzione lattiero-casearia e le attività di sfruttamento dei boschi. Piccole industrie operano nei settori alimentare, edile e della lavorazione del legno, del vetro e dei metalli.