Questo sito contribuisce alla audience di

Mottalciata

comune in provincia di Biella (14 km), 203 m s.m., 18,48 km², 1416 ab. (mottalciatesi), patrono: Madonna del Carmine (16 luglio).

Centro situato sul versante destro del torrente Cervo. Nel Medioevo fece parte dei possessi dei conti di Biandrate, ma in seguito (1355) una parte del loro feudo fu ceduta agli Alciati. La famiglia governò fino al 1571, quando vendette i propri diritti ai Ferrero-Fieschi. Nel 1624 il borgo passò agli Avogadro. § Su un'altura rimangono i resti del castello trecentesco degli Alciati. L'ex parrocchiale di San Vincenzo sorge fuori dal paese: rimasta isolata dal progressivo spostamento dell'abitato verso la collina, fu costruita nel sec. XVIII sul luogo di un edificio romanico. § L'economia si basa sull'industria tessile (cardatura, pettinatura, ritorcitura, roccatura dei filati) e cartaria. L'agricoltura è rivolta alla coltivazione della vite (coste della Sesia DOC), dei cereali e dei foraggi. Si pratica l'allevamento bovino.