Questo sito contribuisce alla audience di

Mukai, Ryōkichi

scultore giapponese (Kyōto 1918). Formatosi alla Scuola di Belle Arti di Tōkyō, si è affermato nel secondo dopoguerra con una scultura di espressione astratta. Le sue composizioni (per esempio quelle della serie intitolata Castelli di formiche) mostrano come la ricerca dell'artista proceda parallelamente agli orientamenti della scultura europea: forme, spazi e volumi sono concepiti come massa organica, dilacerata e svuotata, in un'alternanza drammatica di pieni e di vuoti e in un lucido, ossessivo rapporto tra interno ed esterno.