Questo sito contribuisce alla audience di

Naville, François-Marc-Louis

educatore e pedagogista svizzero (Ginevra 1784-Vernier, Ginevra, 1846). Pastore evangelico a Chancy dal 1811, si occupò di educazione dei giovani fondando l'Istituto di Vernier. In metodologia educativa subì l'influsso di Pestalozzi e di padre Grégoire Girard, mirando a sviluppare una scuola attiva nella quale il fanciullo fosse considerato come libera e autonoma entità, venisse messa in risalto la funzione della lingua materna, e si attuasse la partecipazione degli alunni al governo della scuola. Fra i suoi scritti: L'éducation publique (1831), De la charité légale (1836), Guide de l'acheteur de livres pour la jeunesse (1842). Il figlio, Jules-Ernest (Chancy, Ginevra, 1816-Ginevra 1909), anch'egli pastore evangelico, insegnò storia, filosofia e teologia all'Accademia di Ginevra. Sostenne uno spiritualismo creazionistico, cercando di conciliare scienza e fede. Scrisse: La vie éternelle (1861), Le problème du mal (1868), La logique de l'hypotèse (1880), La physique moderne (1883), Le témoignage de Christ et l'unité du monde chrétien (1893).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti