Questo sito contribuisce alla audience di

Nekrasov, Viktor Platonovič

scrittore sovietico (Kijev, 1911-Gentilly, Parigi, 1987). Affermatosi col romanzo Nelle trincee di Stalingrado (1946), ispirato alla sua esperienza di combattente, scrisse poi due delle più importanti opere del periodo del “disgelo”: Nella città natale (1954), sul ritorno dalla guerra e il reinserimento nella vita civile, e Kira Georgievna (1961), sul ritorno di un deportato dal Lager. Espulso dal Partito comunista e allontanato dall'URSS (1974), venne poi privato della cittadinanza sovietica (1979). Stabilitosi in Francia, divenne redattore della rivista Kontinent (1975-82). Fra le sue ultime opere ricordiamo: Appunti di un vagabondo (1976), Uno sguardo e qualcos’altro (1977), Un piccolo triste racconto (1986), in cui riflette sulla realtà sovietica e sulla personale esperienza in Occidente.

Media


Non sono presenti media correlati