Questo sito contribuisce alla audience di

Pflimlin, Pierre

uomo politico francese (Roubaix 1907-Strasburgo 2000). Avvocato del foro di Strasburgo-Città, di cui divenne nel 1945 consigliere municipale e sindaco dal 1959, fu eletto alla Costituente e successivamente, nel 1946, all'Assemblea Nazionale come esponente del MRP. Dal 1947 al 1951 fu ininterrottamente ministro dell'Agricoltura, per passare poi alla guida del dicastero del Commercio. Fu ancora ministro della Francia d'Oltremare, poi delle Finanze, fino a divenire presidente del Consiglio nel maggio del 1958, nel momento più delicato della crisi algerina. Convinto che solo de Gaulle potesse far uscire la Francia dall'empasse, si abboccò con il generale (26 maggio) e due giorni dopo rassegnò le dimissioni. Ministro di Stato tra il 1958 e il 1959, concluse, come presidente del MRP (1956-59), un'attiva campagna per il sì al regime gollista. Nel 1962 fu ministro di Pompidou e l'anno seguente assunse la presidenza dell'Assemblea del Consiglio d'Europa, dove rimase per tre anni. Presidente del Consorzio per la navigazione del Reno (1971-81), membro del Parlamento europeo (1979-89), fu presidente dell'Assemblea di Strasburgo dal 1984 al 1987.