Questo sito contribuisce alla audience di

Prati o de' Prati, Gioacchino

cospiratore italiano (Stenico, Trento, 1790-Brescia 1863). Condannato a morte per aver cospirato contro il governo austriaco, fu costretto all'esilio in vari Paesi d'Europa. Entrato però in contatto con le sette rivoluzionarie francesi e tedesche, continuò sempre la sua attività politica più estremista divenendo per qualche tempo intimo collaboratore di Buonarroti. Recatosi a Londra, dove strinse amicizia con Foscolo, si accostò al sansimonismo di cui divenne convinto fautore. Fu massone e fondatore di logge massoniche. Scrisse di giurisprudenza, storia, medicina e magnetismo.

Media


Non sono presenti media correlati