Questo sito contribuisce alla audience di

Quesnay, François

economista francese (Méré, Seine et Oise, 1694-Versailles 1774). Di professione medico chirurgo, si conquistò vasta notorietà con l'opera Essai physique sur l'économie animale (1736) percorrendo quindi una brillante carriera fino a divenire medico di Madame di Pompadour (di cui si dice fosse anche il favorito) e poi primo medico del re. La sua attività professionale non gli impedì di dedicarsi con passione all'economia e di essere fondatore e animatore della scuola fisiocratica. La sua opera economica più importante è il Tableau économique (Quadro economico) pubblicato per la prima volta a Parigi nel 1758, dato per disperso e riscoperto nel 1895. Lo stesso Quesnay ne fornì comunque una versione modificata, pubblicata nel 1766 con il titolo Analyse du tableau économique. Scrisse inoltre le voci “Fermiers”, “Grains” e “Hommes” per l'Encyclopédie (1756-57), le Maximes (1758) e il dialogo Du commerce (1766). Nel Tableau économique il Quesnay fornisce la prima rappresentazione delle interdipendenze strutturali di un sistema economico, considerato diviso in tre settori o classi (la classe “produttiva” degli agricoltori, quella dei proprietari terrieri e quella “sterile” degli industriali e dei commercianti), ed espone altresì il modo in cui il reddito prodotto circola fra esse permettendo alla riproduzione annuale di avere luogo.

Bibliografia

H. Woog, The Tableau Economique of François Quesnay, Berna, 1950; A. Sauvy (a cura di), François Quesnay et la physiocratie, Parigi, 1958; K. Marx, Teorie sul plusvalore, Roma, 1961; H. Denis, Storia del pensiero economico, Milano, 1968.

Media


Non sono presenti media correlati