Questo sito contribuisce alla audience di

Raimóndo Berengàrio III

conte di Barcellona, detto il Grande (1082-1131). Nato l'anno stesso dell'assassinio di suo padre, Raimondo Berengario II, riuscì a succedergli nel 1096, anno in cui lo zio Berengario Raimondo II, usurpatore della contea, venne destituito da Alfonso VI di Castiglia come reo di fratricidio. Difese e ingrandì lo Stato catalano, combattendo a nord contro i grandi feudatari del Mezzogiorno di Francia (per cui riuscì ad annettersi una parte della Provenza) e a sud contro i bellicosi Almoravidi, che sconfisse decisamente nel 1114-15. Nel 1114, inoltre, alla testa di una “crociata” cristiana e previo un accordo con Pisa, che fornì la flotta, conquistò le Baleari, tenute da pirati musulmani, ma non riuscì a tenerle a lungo, nonostante l'alleanza con Genova, Pisa e Ruggero di Sicilia. Riuscì invece ad annettere alla contea Foix, Besalú, la Cerdagna e Tortosa, e a sviluppare un'attiva politica commerciale catalana nel Mediterraneo. Favorì (in funzione antimusulmana) l'entrata nei suoi Stati dell'ordine dei templari, nel quale egli stesso professò poco prima di morire.

Media


Non sono presenti media correlati