Questo sito contribuisce alla audience di

SME (Sistema Monetario Europeo)

(sigla di Sistema Monetario Europeo), strumento di politica monetaria che legava i rapporti di cambio tra le monete dei Paesi membri della CEE, istituito nel marzo 1979. Comprendente tutte le valute degli Stati membri, a eccezione in un primo tempo della sterlina britannica che aveva scelto di rimanere fuori dal sistema, lo SME era fondato sul concetto di tassi di cambio stabili e soggetti a revisione, sulla base di un tasso centrale definito rispetto all'ECU (European Currency Unit) che rappresentava la media ponderata delle valute. Nel Sistema Monetario Europeo era stata determinata una griglia di tassi di cambio bilaterali, con margini di fluttuazione che dovevano essere mantenuti entro i limiti del 2,25%, in più o in meno della parità. Le turbolenze che nel 1992-93 avevano colpito il meccanismo di cambio europeo, provocavano il ritiro della lira e della sterlina britannica dallo SME, nonché l'allargamento dei margini di oscillazione fino al 15%. Nel 1995 entravano inoltre a far parte dello SME la Finlandia e la Svezia, in quanto ammesse quali nuovi membri dell'Unione Europea, mentre l'adesione dell'Austria al sistema era ritardata e preceduta da alcuni interventi del governo austriaco. La lira italiana, invece, rientrava nello SME il 24 novembre 1996, dopo un'intensa trattativa sul cambio della valuta italiana rispetto al marco. Nello stesso anno, in seguito alle decisioni contemplate dal Trattato di Maastricht(1992), che stabilivano anche la costituzione dell'Unione Economica Monetaria (UEM), si ipotizzava la nascita di uno SME 2, il cui compito era di accogliere i Paesi che non avrebbero ancora voluto o potuto, per bilanci inadeguati, adottare nel 1998 la moneta unica europea, l'Euro. Il 1° gennaio 1999, con l'introduzione dell'Euro e l'entrata in vigore dell'UEM, lo SME è stato sostituito da un nuovo meccanismo di cambio che si basa, per i Paesi esclusi, sullo stesso sistema, con una nuova definizione del tasso centrale, rapportato alla nuova valuta, e un margine di fluttuazione standard relativamente ampio (+/-15%).

Media


Non sono presenti media correlati