Questo sito contribuisce alla audience di

Scalìgero, Giusèppe Giusto

umanista francese d'origine italiana (Agen 1540-Leida 1609). Figlio di Giulio Cesare, fu un dotto filologo, perfetto conoscitore del latino, del greco, dell'arabo e dell'ebraico. Pubblicò nel 1579 la traduzione dell'Astronomicon, poema di Marco Manilio del sec. I d. C. Introdusse l'uso, erroneo, di chiamare Mizarla stella ζ¹Ursae Majoris, detta dagli Arabi Merak. Inoltre nell'Opus novum de emendatione temporum (1583) affrontò problemi cronologici elaborando il calendario detto giuliano (dal nome del padre), consistente nel numerare progressivamente i giorni a partire dal 1º gennaio 4713 a. C.

Media


Non sono presenti media correlati