Questo sito contribuisce alla audience di

Scott, Robert Falcon

esploratore e scrittore inglese (Devonport 1868-Antartide 1912). Intrapresa la carriera militare in marina, ebbe nel 1901 il comando di una spedizione nell'Antartide. Partito nell'agosto di quell'anno a bordo della nave Discovery, costeggiò l'orlo settentrionale della banchisa denominata Ross Ice Shelf, scoprendo, all'inizio del 1902, la penisola di Edoardo VII. Dopo aver svernato sull'isola di Ross si spinse verso l'interno della banchisa, a mezzo di slitte, insieme a E. Shackleton ed E. A. Wilson e raggiunse 82º17´ di latitudine S, il limite massimo toccato fino ad allora. Trascorso un altro inverno, alla fine del 1903, Scott fece un altro tentativo verso W per penetrare, alla ricerca del polo magnetico australe, sull'altopiano coperto di ghiacci che si estende oltre le catene montuose che limitano la Terra Vittoria; pervenne così alla latitudine di 77º59´S e alla longitudine di 146º33´E. Rientrato in patria, nel 1910 ebbe il comando di una nuova grande spedizione nell'Antartide, che partì da Londra il 1º giugno a bordo della nave Terra Nova, alla conquista del Polo Sud. Giunse nel gennaio 1911 sull'isola di Ross, dove stabilì presso il capo Evans la base invernale: nel frattempo, nella baia delle Balene, il norvegese R. Amundsen si preparava a perseguire lo stesso obiettivo. Il 2 novembre la spedizione mosse verso il Polo, avvalendosi di cani e pony: avanzando fra innumerevoli difficoltà, Scott stabilì man mano dei depositi lungo il tragitto. L'ultimo tratto fu percorso da soli cinque uomini: Scott, Wilson, H. R. Bowers, E. Evans e L. Oates. Essi raggiunsero finalmente il Polo Sud il 18 gennaio 1912, dove però erano stati preceduti circa un mese prima da Amundsen. Ripresa la via del ritorno, Scott trovò la morte insieme coi suoi compagni, a causa del freddo e della fame, a soli 17 km dall'ultimo posto di soccorso. Il diario di Scott, Scott's Last Expedition (L'ultima spedizione di Scott), ritrovato otto mesi più tardi tra i resti della spedizione, fu pubblicato nel 1913. Resoconto della spedizione del 1901-04 è The Voyage of the Discovery (1905; Il viaggio della Discovery).

Media


Non sono presenti media correlati