Questo sito contribuisce alla audience di

Selvinskij, Ilja Lvovič

poeta russo (Simferopol 1899-Mosca 1968). Dopo una giovinezza avventurosa e dopo aver partecipato alla guerra civile, fu tra i maggiori esponenti del costruttivismo. La sua poesia degli anni Venti (Records, 1926; Il giovane Selvinskij, 1929) denota una continua ricerca di forme nuove e sperimentazioni lessicali, metriche e sintattiche. All'epos Uljalaevismo (1927), in cui rievoca la lotta partigiana in Siberia durante la guerra civile, fece seguire, tra l'altro, I diari del poeta (1927), il romanzo in versi Il mercato di pelli (1929), i drammi Komandarm 2 (1930) e Pao-Pao (1932), che sono tra le sue opere più interessanti, e infine la trilogia La Russia (1944-57) e il romanzo Arktika (1960). Del 1966 è il suo romanzo autobiografico Oh, mia giovinezza!.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti