Questo sito contribuisce alla audience di

Shapiro, Joel

scultore statunitense (New York 1941). Figlio di due scienziati interessati all'arte, ha vissuto sin da bambino questa disciplina come un gioco. Dopo aver studiato arte alla New York University, parte per una missione di pace in India con l'intenzione di tornare e studiare per diventare medico, ma decide di seguire la carriera artistica. Comincia realizzando piccole sculture di oggetti legati alla vita dell'uomo, come case e sedie. Dalla metà degli anni Settanta l'uomo diventa il tema più importante della sua scultura: ne investiga la natura rendendo la sua immagine astratta, composta di parallelepipedi levigati in legno e bronzo di varie dimensioni, congiunti in modo da rappresentarne gli atteggiamenti. Negli anni Novanta le sue sculture, spesso in legno, assumono dimensioni maggiori, ma Shapiro continua a creare figure prive di dettagli individuanti, di identità sessuale, di contesto. Le sue opere fanno parte delle collezioni permanenti delle più importanti gallerie degli Stati Uniti. È stato definito un postminimalista.