Questo sito contribuisce alla audience di

Siemens, Werner von-

ingegnere e industriale tedesco (Lenthe, Hannover, 1816-Berlino 1892). Dopo essere stato ufficiale d'artiglieria si dedicò a studi sulle trasmissioni delle correnti elettriche, specializzandosi nella messa in posa di cavi telegrafici sotterranei e sottomarini. Nel 1847, fondò con J. G. Halske la società industriale Siemens Halske, che diede l'avvio all'industria elettrotecnica ancora oggi operante nel settore, e installò in Germania la prima linea telegrafica tra Berlino e Francoforte sul Meno. Tra le realizzazioni di Siemens, numerosissime specie in campo telegrafico e telefonico, si ricorda la costruzione (1879) della prima locomotiva elettrica che diede inizio alla trazione elettrica ferroviaria. Il fratello Karl Wilhelm (Lenthe 1823-Londra 1883), trasferitosi nel 1844 in Gran Bretagna (assumendo nel 1859 la cittadinanza inglese), vi fondò una filiale della società e si dedicò allo studio della metallurgia; nel 1857 ideò i forni a rigenerazione di calore che gli permisero di sviluppare un nuovo processo per la produzione dell'acciaio, poi perfezionato da P. Martin (processo Martin-Siemens). L'attività delle varie filiali della ditta Siemens, che, attraverso successive incorporazioni andava sempre più estendendosi in Germania e all'estero imponendosi come una delle maggiori industrie mondiali, venne in seguito proseguita: in Gran Bretagna da Alexander, nipote di Karl Wilhelm, e nel continente da August Friedrich (Menzendorf 1826-Dresda 1904), fratello di Werner, coinventore del nuovo tipo di fornace con cui si potevano facilmente raggiungere le altissime temperature necessarie alla lavorazione dell'acciaio e del vetro.

Media


Non sono presenti media correlati