Questo sito contribuisce alla audience di

Simplicio (filosofo)

(greco Simplíkios), filosofo greco (sec. VI d. C.). Appartenne alla scuola neoplatonica che fiorì ad Atene durante l'impero di Giustiniano; chiusa la scuola dall'imperatore nel 529, si spostò in Persia. Molto importanti sono i suoi commenti aristotelici, per le citazioni di passi di filosofi antichi. Ebbe una certa fama nel Rinascimento, quando fu fatta risalire a Simplicio la corrente che va da Teofrasto ad Averroè. G. Galilei lo introduce, nel suo Dialogo dei massimi sistemi, come l'interlocutore che rappresenta la mentalità autoritaria e libresca dell'ipse dixit.

Media


Non sono presenti media correlati