Questo sito contribuisce alla audience di

Teofrasto

(greco Theóphrastos; latino Theophrastus). Filosofo greco (Ereso, isola di Lesbo, ca. 370-Atene ca. 285 a. C.). Nato da ricca famiglia, dapprima seguì qualche lezione di Platone ad Atene, ma poi si unì ad Aristotele e ne divenne il più stretto discepolo, fino a sostituirlo a capo della scuola peripatetica. La sua produzione fu immensa, in molti campi del sapere: Ricerca sulle piante e Le cause delle piante, ampie opere che classificano e descrivono il regno vegetale e la sua vita, La metafisica, un trattato Sulle sensazioni e una serie di brevi trattati scientifici, infine i celebri Caratteri morali, operetta costituita da 30 brevi descrizioni di tipi umani, che rientrava probabilmente negli studi di etica. Si sa che scrisse anche di storia, di retorica, di poetica, di etica, di politica. Teofrasto dimostra una grande capacità critica ed elaborativa del pensiero aristotelico. Fu soprattutto un erudito.

Bibliografia

B. Farrington, Greek Science, Londra, 1953; J. H. H. A. Indemans, Studien over Theophrastus, Nimega, 1953; G. Sarton, A History of Science, Cambridge, 1953; F. Adorno, La filosofia antica, Milano, 1961; G. Movia, Anima e intelletto. Ricerche sulla psicologia peripatetica da Teofrasto a Cratippo, Padova, 1968.

Media


Non sono presenti media correlati