Questo sito contribuisce alla audience di

Suardi (famiglia)

(o Suardo), antica e nobile famiglia bergamasca le cui notizie più antiche risalgono a un Pietro detto Suardo (1031-1078) figlio di Lazzaro (976-1011), giudice del Sacro Palazzo. Costantemente ghibellina, ebbe spesso in mano le sorti della propria città, ma ricoprì ruoli importanti anche in numerose altre città dell'Alta Italia. Divisasi in molti rami (uno dei quali nel 1517 aggiunse al proprio il cognome Secco), fu illustrata da personaggi insigni in ogni campo. Tra i più famosi: Lanfranco (sec. XII) fu console di Bergamo e podestà di Cremona; Alberico (sec. XIII) fu podestà a Parma (1266) e a Verona (1268); Alberto (1314-1373) venne inviato da Venezia come ambasciatore al duca di Milano e fu poi senatore a Roma; Giovanni (sec. XIV-XV) fu consigliere intimo di Bernabò Visconti e ambasciatore ai duchi di Savoia (1391); Pietro (sec. XIV-XV) fu podestà di Alessandria e delegato di Bernabò Visconti a ricevere la consegna di Siena (1402); Felice (1612-1630) fu governatore di Brescia e di Crema; Gian Forte (1854-1931), deputato dal 1890 e sottosegretario di stato, venne nominato senatore nel 1919; Giacomo (1883-1947), deputato dal 1923, sottosegretario agli interni e senatore (1929), fu presidente del Senato dal 1939 al 1943.