Questo sito contribuisce alla audience di

Trìbolo, Niccolò Perìcoli, detto il-

scultore e architetto italiano (Firenze 1500-1558). Attivo come scultore a Roma (1524), a Loreto (rilievi al santuario della Santa Casa) e a Bologna (rilievi dei portali minori di S. Petronio, 1525-27; Assunta nella cappella delle Reliquie, ancora in S. Petronio, 1537), nelle sue opere temperò l'influsso michelangiolesco con un vivo gusto pittorico di ascendenza sansoviniana. Come architetto fu soprattutto noto per fastosi addobbi e apparati posticci (celebre quello per l'ingresso di Carlo V a Firenze, 1536) e per le fantasiose ed eleganti sistemazioni di giardini (a Boboli, iniziato nel 1550; nelle ville medicee di Castello e della Petraia, 1545-46), con gradinate, grotte e fontane, campo in cui il Tribolo diede un notevole contributo a un tema molto caro al manierismo fiorentino e romano.

Media


Non sono presenti media correlati