Questo sito contribuisce alla audience di

Uguccióne da Lòdi

rimatore lombardo (fine sec. XII-inizio sec. XIII). Figura bene individuata sul piano letterario, non lo è altrettanto sul piano biografico. Appartenne forse alla cospicua famiglia cremonese dei “da Lodi”. È autore di un Libro, in lingua veneta e in lasse monorime di alessandrini e decasillabi epici, contenuto nel codice Hamilton 390 di Berlino insieme con l'Istoria, dovuta a un tardo imitatore (lo “Pseudo-Uguccione”), di tono erudito e moralistico. La materia del Libro è edificante e religiosa; tema centrale è il peccato, specie le ambizioni e i piaceri terreni, descritti con efficace realismo; in contrasto con essi è evocata frequentemente l'immagine della Morte, secondo gli esempi della più recente letteratura escatologica. L'insistenza sulla polemica antiecclesiastica ha fatto pensare a un'eresia patarinica di Uguccione da Lodi, della quale, tuttavia, non esistono prove.

Media


Non sono presenti media correlati