Questo sito contribuisce alla audience di

VSAT

sigla dell'inglese Very Small Aperture Terminal (terminale con apertura molto piccola), terminale periferico di dimensioni ridotte impiegato nelle telecomunicazioni via satellite. Un terminale è composto da un'antenna, dalla testata radio, dalla sezione a frequenza intermedia e l'interfaccia numerica in banda base. In Europa, i sistemi VSAT operano generalmente nella banda 12/14 GHz, con antenne di diametro compreso tra 1,2 e 2,4 m (lo standard ETSI prevede un diametro massimo di 3,8 m), e potenze dei trasmettitori dell'ordine di qualche watt. Grazie alle ridotte dimensioni e alle basse potenze, i sistemi VSAT sono facilmente installabili su edifici o nelle loro immediate vicinanze, e consentono di realizzare collegamenti tra sedi distanti anche migliaia di chilometri con prestazioni (qualità, affidabilità e protezione della riservatezza) e costi competitivi con quelli della rete fissa. Le reti VSAT utilizzano due configurazioni base: quella a “stella”, in cui ogni stazione VSAT periferica è collegata tramite satellite a una stazione centrale, e quella a “maglia”, in cui tutte le stazioni sono, sempre grazie al satellite, collegate tra di loro. La configurazione a “stella” viene comunemente impiegata per realizzare reti per società o istituzioni che vogliono mettere in collegamento la sede principale (che utilizza un sistema VSAT con prestazioni superiori) con le sedi periferiche. In questo caso, il collegamento tra due stazioni periferiche può avvenire solo per transito dalla stazione principale, con elevati ritardi di propagazione del segnale (qualche centinaio di millisecondi) che non ne consentono l'uso per trasmissioni telefoniche. Le reti a “maglia”, invece, prevedono l'interconnessione di tutte le stazioni VSAT, permettendo quindi anche collegamenti telefonici di buona qualità, a scapito di un costo superiore legato alla necessità di utilizzare in ogni sede (non solo in quella principale) stazioni VSAT di buon livello. Le reti di VSAT realizzate secondo gli standard internazionali (per esempio INTELSAT) garantiscono la compatibilità con altri sistemi, a differenza delle altre reti che vengono strutturate per soddisfare specifiche esigenze di comunicazione, ma che risultano “chiuse” al colloquio con altri sistemi. Le reti VSAT prevedono la tramissione dei dati a velocità comprese tra i 1,2 e i 64 Kbit/s e l'utilizzo di codifiche del segnale vocale, trasmesso in forma numerica, in genere a 32 o 16 Kbit/s.

Media


Non sono presenti media correlati