Questo sito contribuisce alla audience di

alfonsino

agg. e sm.

1) Agg., che si riferisce a personaggi di nome Alfonso. Tavole alfonsine (o toledane), effemeridi planetarie così chiamate perché calcolate per ordine del re Alfonso X di Castiglia, fra il 1248 e il 1252, da cinquanta saggi arabi, ebrei e cristiani. Le Tabulae Alphonsinae, benché elaborate sulla base della teoria geocentrica planetaria, rimasero in vigore fino all'epoca di Tycho Brahe.

2) Sm., antico strumento chirurgico a tre rebbi, atto a estrarre proiettili di armi da fuoco dalla profondità delle ferite; trae il nome dal suo ideatore, il chirurgo Alfonso Ferri, vissuto nel sec. XVI.

3) In numismatica, moneta d'oro di 5,03-5,33 g, coniata a Gaeta nel 1437 e a Napoli dal 1442 da Alfonso V re d'Aragona, I come re di Napoli. Porta al diritto lo scudo aragonese e al rovescio il re a cavallo. Alfonsina d'argento (o carlino): moneta di 3,40-3,69 g, coniata dallo stesso sovrano, con al diritto lo scudo aragonese e al rovescio il re seduto di fronte. Genericamente si chiamano alfonsine le monete in argento coniate dai re di Aragona e Portogallo di nome Alfonso.

Media


Non sono presenti media correlati