Questo sito contribuisce alla audience di

azionista

sm. e f. (pl. m. -i) [sec. XX; da azione].

1) Socio di una società per azioni o di una società in accomandita per azioni. § L'apporto del socio azionista costituisce il capitale sociale della società, diviso in azioni, che sono, quindi, frazioni del capitale e sono rappresentate da un documento (titolo) che conferisce al titolare la qualità di socio azionista. Come tale egli ha il diritto di partecipare alle assemblee dei soci e di votare sulle relative deliberazioni; di controllare, sia pure entro certi limiti, l'amministrazione della società; di percepire, in proporzione alla sua partecipazione, gli utili derivanti dalla gestione della società stessa. L'azionista è di minoranza se possiede solo una quota limitata delle azioni sociali, di maggioranza se ne possiede la quota maggiore. Un azionista di minoranza può tuttavia in pratica detenere il controllo della società se la quota rimanente di azioni è suddivisa fra una miriade di azionisti non organizzati in gruppo omogeneo e pertanto non in grado d'indirizzare univocamente la volontà sociale.

2) Membro del Partito d'Azione.