Questo sito contribuisce alla audience di

condótta forzata

condotta per il trasporto di acqua sotto pressione per l'alimentazione di turbine idrauliche. Una condotta forzata consta di una serie di tronchi di tubazione in acciaio o cemento armato (talvolta anche in ghisa), collegati fra loro mediante giunti opportuni. Le condotte forzate in cemento armato possono essere utilizzate per pressioni inferiori alle 2 atm; per delle pressioni superiori, fino a 5 atm, conviene ricorrere a tubazioni in cemento armato precompresso, dove la funzione resistente è affidata a una blindatura metallica esterna, ottenuta con filo metallico avvolto attorno al tubo. L'uso di condotte forzate in cemento armato è tuttavia limitato al caso di impianti con piccoli salti d'acqua e portate considerevoli. Per pressioni superiori si usano tubi metallici in acciaio, chiodati o saldati, e trafilati Mannesmann; infine per le alte e altissime pressioni vengono impiegati tubi saldati lungo una generatrice e blindati. Le giunzioni tra i diversi tronchi possono essere a bicchiere, a flangia, saldate, con chiodatura a sovrapposizione, con manicotto conico chiodato, ecc. Speciali tipi di tubi sono quelli predeformati o precompressi a freddo, che derivano dal tipo blindato e ne costituiscono un perfezionamento. Le condotte forzate seguono molto da vicino il profilo del terreno, con tratti rettilinei, detti livellette, che si appoggiano su selle in calcestruzzo; ogni livelletta viene fissata a un blocco di ancoraggio ed è provvista di un giunto atto a permetterne la dilatazione termica, assicurando la tenuta ermetica. Al termine della condotta si trova generalmente un collettore che alimenta le turbine.

Media


Non sono presenti media correlati