Questo sito contribuisce alla audience di

coronarodilatatóre

agg. e sm. [da (arterie) coronarie+dilatatore]. Farmaco impiegato per prevenire o combattere la sintomatologia delle sindromi anginose. I coronarodilatatori provocano il rilassamento della muscolatura liscia dei vasi coronarici aumentando il flusso sanguigno e quindi l'ossigenazione e la nutrizione del miocardio; l'azione miorilassante è tuttavia aspecifica poiché interessa anche altre formazioni a muscolatura liscia. In campo terapeutico la scelta dei coronarodilatatori viene effettuata in base alla rapidità del loro effetto: vi sono infatti farmaci ad azione pronta e di breve durata, altri ad azione lenta e protratta. I primi vengono adoperati elettivamente nell'attacco anginoso, i secondi come preventivi delle crisi e delle recidive. I più comuni coronarodilatatori sono i nitroderivati, che costituiscono pure i farmaci di più antico impiego nell'angina pectoris e nell'infarto del miocardio.