Questo sito contribuisce alla audience di

dammàr

sf. [dal malese dāmar]. Resina originaria dell'India e delle Filippine che si estrae da alcune piante della famiglia delle Araucariacee (Agathis o Dammara australis), delle Dipterocarpacee (Shorea selanica) e delle Burseracee (Canarium rostratum). Si presenta in masse uniformi o in pezzi tondeggianti di colore giallastro facilmente friabili. Per triturazione si trasforma in una polvere bianca, inodore, insolubile in acqua, solubile in benzene e in cloroformio. Ha composizione eterogenea contenendo un acido (acido dammarilico), varie resine, una sostanza amara. Il dammar viene talora impiegato in farmacia per la preparazione di empiastri adesivi, nell'industria chimica per la produzione di lacche e vernici, in microscopia per inglobare preparati animali o vegetali.