Questo sito contribuisce alla audience di

fìlobus

sm. [sec. XX; da filo- (terminologia tecnica)+(auto)bus]. Veicolo elettrico per servizio pubblico, adatto a procedere su strada normale (non in sede propria), purché questa sia attrezzata con una linea elettrica aerea di alimentazione a due fili. Il filobus, comparso negli anni Venti, ebbe grande diffusione dopo il 1930 fino all'ultimo dopoguerra, quando venne addirittura eliminato in numerose città; sul finire del sec. XX è tornato d'attualità per ragioni economiche (in un servizio di medio sviluppo e medio traffico è meno costoso di un servizio d'autobus) e soprattutto perché non genera inquinamento e rumore. Inoltre il filobus presenta, come l'autobus, notevole flessibilità d'impiego potendosi spostare lungo la strada secondo l'andamento del traffico; rispetto al tram, richiede minori costi d'impianto per attrezzare la linea filoviaria e non danneggia come quello la sede stradale. Costruttivamente, il filobus è simile a un autobus: ne esistono a due o tre assi e anche tipi articolati; rispetto all'autobus presenta notevoli doti d'accelerazione e frenatura (dovute al motore elettrico); il motore (esistono, ma in bassa percentuale, filobus a due motori) è sospeso sottocassa e trasmette il moto a un albero motore, come negli autoveicoli; viene usato per la frenatura elettrica. Completano l'equipaggiamento un reostato per l'avviamento e la frenatura elettrica, un motogeneratore per la carica della batteria e l'alimentazione dei circuiti di comando, un motocompressore a funzionamento elettrico, una batteria e altre apparecchiature. Tipici del filobus sono i due pattini di presa, portati, attraverso una speciale articolazione elettricamente conduttrice, da due aste isolate snodate: ciò consente la marcia del veicolo anche se deve procedere spostato rispetto alla linea e se questa varia di quota rispetto al piano stradale. La linea aerea è formata da due cavi elettrici di cui uno mantenuto a un potenziale, di solito, di 600 V in corrente continua, l'altro a zero, per il cosiddetto “ritorno”, che nei veicoli su rotaie avviene attraverso queste.

Media


Non sono presenti media correlati