Questo sito contribuisce alla audience di

pipistrèllo

sm. [sec. XIV; latino vespertilío, da vesper, sera].

1) Nome comune delle numerosissime specie appartenenti all'ordine dei Chirotteri, e in particolare di quelle del genere Pipistrellus, della famiglia dei Vespertilionidi. Diffusi in tutto il mondo, a eccezione del Sudamerica, i pipistrelli del genere Pipistrellus sono presenti in Italia con 4 specie, tra cui il comunissimo pipistrello albolimbato (Pipistrellus kuhli), lungo ca. 8 cm, con pelliccia brunastra, e il pipistrello nano (Pipistrellus pipistrellus), molto simile al precedente. Le altre specie sono il pipistrello di Savi (Pipistrellus savii) e il pipistrello di Nathusius (Pipistrellus nathusii). § Per il pipistrello dalla faccia rugosa, vedi Centurio; pipistrello pallido o del deserto, vedi Antrozous; pipistrello dalla coda libera, vedi Molossidi; pipistrello coda di topo, vedi Rinopomatidi; pipistrello tricolore, vedi Thyroptera.

2) Soprabito maschile da sera, generalmente di colore nero, senza maniche, con mantellina. Fu adottato alla fine del sec. XIX e rimase in uso fino all'inizio della prima guerra mondiale.

Media

audio Pipistrello.