Questo sito contribuisce alla audience di

scélta (filosofia)

momento della decisione di fronte al presentarsi di un'alternativa che costituisce il concretarsi, l'oggettivarsi di un giudizio nell'atto. Il problema morale della scelta è connesso con quello della presenza e discernibilità di un valore e con quello della libertà del volere cui questo è proposto. Il problema morale della scelta si distingue così da quello emergente nell'ambito delle scienze, dove esso riguarda soprattutto la previsione delle possibilità e la fecondità delle conseguenze. Presente già nel mito di Er, nel X libro della Repubblicaplatonica, il concetto di scelta fu approfondito da Aristotele: essendo dato il bene come fine, la scelta può vertere solo sui mezzi per realizzarlo e comporta il nesso con la ragione e la volontarietà (Etica nicomachea). San Tommaso riprende Aristotele: l'uomo è chiamato a operare per beni particolari, non per il bene assoluto, e la scelta si connette con il libero arbitrio (Summa theologica). Importanza centralissima assume il problema della scelta nella filosofia dell'esistenza: S. Kierkegaard mostra che decisiva è l'alternativa tra scegliere e non scegliere, la scelta della scelta, non la scelta di qualcosa di definito. Con tale scelta si supera l'indifferenza tra bene e male propria dello stadio estetico; la distinzione, l'alternativa tra bene e male appare solo nello stadio morale (Aut-Aut). M. Heidegger (Essere e Tempo) pone la scelta della scelta come condizione per uscire dall'ambito in cui l'uomo è determinato dagli enti tra cui vive giungendo ad aprire il proprio fondamentale rapporto con l'essere.