Questo sito contribuisce alla audience di

Órsa Minóre

(latino scientifico Ursa Minor, abbreviazione UMi). Costellazione boreale, posta a declinazione superiore a +65º, in massima parte compresa fra 13h e 18h di ascensione retta e che comprende il polo nord celeste. La forma di questa costellazione è simile a quella dell'Orsa Maggiore, sebbene di minori dimensioni per cui la si indica come Piccolo Carro, e le sue stelle sono molto meno brillanti. L'estremo del suo “timone” è rappresentato dalla Stella Polare (α UMi), così detta perché si trova a ca. 55´ dal polo nord celeste. Da almeno dieci secoli avanti l'Era Volgare (pressappoco all'epoca dell'invasione dei popoli dorici e della distruzione della Troia omerica), la direzione del polo celeste si è lentamente spostata attraverso la costellazione in virtù della precessione dell'asse della Terra, ha fatto il suo ingresso in UMi, ove è andata muovendosi dalle vicinanze della stella β, per pervenire all'attuale α. Non stupisce, quindi, che la costellazione abbia conseguito un riconoscimento autonomo in epoche molto remote; se ai tempi di Seti I (ca. 1300 a. C.) essa veniva associata in Egitto all'adiacente Drago e denominata cumulativamente l'Ippopotama, nel VII sec., con Talete ed Eudosso, essa viene già citata con il nome attuale. Oltre alla Polare (α UMi) che brilla leggermente variabile intorno alla magnitudine 2m,1, all'estremità del “timone” del Piccolo Carro e a 55´ dalla reale posizione del polo nord celeste, ricordiamo β UMi, Kochab, in arabo la “stella del nord” a ricordo della sua antica funzione di polare. È appena più debole di α UMi ed è 100 volte più luminosa del Sole. La γ UMi è Pherkad, di 3m,1 astro bianco equivalente a 300 Soli: insieme a Kochab costituiva la coppia che gli antichi designarono anche “guardiani del polo”. Fra le doppie fisiche va citata la π¹UMi con componenti di 6m,1 e 7m,0 separabili con un binocolo; fra le variabili, ricordiamo la rossa RR UMi, mireide fluttuante in 40 giorni fra la 4m,7 e la 5m,1. La costellazione, salvo la galassia NGC 6217, non ha altre sorgenti di peculiare interesse .

Media


Non sono presenti media correlati