Questo sito contribuisce alla audience di

Ḥamas

(Ḥarakat al-Muqāwamah al-Islāmiyya, Movimento della resistenza islamica). Organizzazione integralista islamica palestinese. Fondato a Gaza nel dicembre del 1987 dallo sceicco A. Yassin, Ḥamas può essere considerato una diretta emanazione della Fratellanza Musulmana, operante sin dalla fine degli anni Settanta, nella Striscia di Gaza, sotto il paravento della Al Mujamma’ al-Islāmi (Associazione Islamica), un'istituzione di tipo religioso e assistenziale. Ḥamas si è profondamente radicato nella società palestinese in virtù delle strutture sociali, di tipo benefico e caritatevole, ereditate proprio da quest'ultima assumendo un ruolo di leadership nel corso della prima Intifada. L'ideologia di Ḥamas può essere sintetizzata in tre obiettivi fondamentali: lotta contro il nemico sionista, opposizione agli sforzi di pacificazione e ritorno dei Paesi arabi sulla retta via dell'Islam. Tale ideologia, dal 1993, si è concretizzata, da una parte in un netto rifiuto degli accordi di Oslo e del processo di pace, sviluppando Ḥamas una posizione indipendente e spesso in aperta contrapposizione con l'OLP, dall'altra nell'intensificazione della lotta contro Israele, in particolar modo ricorrendo alla tattica degli attentati suicidi. Il sostegno della popolazione palestinese a tali operazioni, e la crescente influenza esercitata da Ḥamas a livello sociale, nel quadro della diffusione dell'integralismo islamico, ha contribuito a rendere tale movimento il più forte gruppo di opposizione al processo di pace e una crescente minaccia per l'ANP quale unica rappresentante del popolo palestinese e delle sue aspirazioni nazionali. Nel 2004, in due operazioni militari decise dal governo Sharon, venivano eliminati lo sceicco Yassin e il suo successore Abdel Aziz Rantisi. Nel gennaio 2006, nelle elezioni per il rinnovo del Parlamento palestinese, Hamas si imponeva, conquistando 76 seggi, la maggioranza assoluta. Dal momento della sua legittimazione attraverso il risultato elettorale, e la nomina a primo ministro, da parte di Abu Mazen, di Ismail Hanniya ex segretario dello sceicco Yassin il fondatore di Hamas, la già precaria situazione politica si è ulteriormente deteriorata e ha portato a una ripresa della violenza nei territori palestinesi e al riacutizzarsi delle tensioni con al-Fatah il partito del presidente dell'Autorità Palestinese: durante tutto il 2006 si sono succeduti scontri e combattimenti che hanno raggiunto il culmine nella primavera 2007 assumendo la forma di una vera e propria guerra civile. Il 14 giugno i guerriglieri di Ḥamas hanno conquistato la sede militare dall'ANP arrivando di fatto al controllo dell'intera Striscia di Gaza. Nel giugno 2008 veniva stabilita una tregua con Israele, resa possibile da una mediazione egiziana, che prevede una riduzione dell'embargo sulla Striscia di Gaza e la sospensione del lancio di razzi contro lo stato ebraico.