Questo sito contribuisce alla audience di

Abbe, Ernst

Biografia

Fisico tedesco (Eisenach 1840-Jena 1905). Professore di fisica all'Università di Jena, il suo interesse per i problemi ottici, tanto teorici quanto sperimentali, lo portarono a contatto (1866) con Carl Zeiss, il fondatore della omonima fabbrica di strumenti ottici di cui assunse la direzione, introducendovi notevoli innovazioni di carattere sociale, alla morte (1888) di Zeiss. Fautore della teoria ondulatoria della luce, studiò il problema della formazione delle immagini nel microscopio tenendo conto dei fenomeni di interferenza e di diffrazione. I suoi fondamentali lavori sulle aberrazioni e la definizione dei concetti di potere risolutivo e di apertura relativa lo portarono alla progettazione del microscopio più perfezionato dell'epoca fabbricato dalla Zeiss. Con Carl Zeiss e Otto Scott si interessò ai problemi tecnici della fabbricazione del vetro ottico, realizzando il noto vetro di Jena. Progettò e costruì inoltre il rifrattometro che porta il suo nome ed effettuò importanti ricerche di carattere tecnico sull'astigmatismo, utilizzate successivamente nella costruzione di obiettivi anastigmatici per macchine fotografiche.

Condizione di Abbe

Condizione necessaria e sufficiente affinché un sistema ottico centrato non presenti aberrazione sferica trasversale:

in cui n e sono gli indici di rifrazione dei due mezzi in cui si trovano due punti coniugati dell'asse ottico; α e α´ sono gli angoli che due raggi coniugati uscenti dai due punti formano con l'asse.

Numero di Abbe

Misura il potere dispersivo di una sostanza in funzione dei suoi indici di rifrazione rispetto alle lunghezze d'onda delle righe di Fraunhofer D (λ=5893 Å), F (λ=4861 Å), C (λ=6563 Å)

Media


Non sono presenti media correlati