Questo sito contribuisce alla audience di

Ackroyd, Peter

scrittore inglese (Londra 1949). La sua opera si caratterizza per versatilità, rifiuto delle forme narrative più tradizionali e spirito critico nei confronti della tradizione culturale inglese che, nel saggio del 1976 Notes for a New Culture: An Essay on Modernisme, viene duramente attaccata per il suo arido e improduttivo empirismo. Dopo aver esordito come poeta – ricordiamo le raccolte London Lickpenny (1970) e Country Life (1978) –, Ackroyd ha pubblicato nel 1980 la biografia Ezra Pound and His World (rivista nel 1987 con il titolo Ezra Pound); del 1982 è il suo primo romanzo, The Great Fire of London, opera curiosa e provocatoria, concepita come una continuazione del Little Dorrit di Dickens. Con The Last Testament of Oscar Wilde (1983), romanzo biografico da cui emerge un brillante ritratto degli ultimi anni dello scrittore, Ackroyd si cimenta in un genere misto secondo una tendenza a lui congeniale. Con Hawsmoor (1985) compone un originale pastiche in cui si trovano elementi del racconto poliziesco e dell'horror. Seguono Chatterton (1987), First Light (1989), English Music (1992), The House of Doctor Dee (1993) e The Trial of Elizabeth Cree: A Novel of the Limehouse Murders (1995). Nel 1990 scrive la biografia Dickens alla quale fa seguire Blake (1995), The life of Thomas More (1998), London. The Biography (2004) e The Lambs of London (2005, trad. it. I fratelli Lamb).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti