Questo sito contribuisce alla audience di

Albèrti, Antònio degli-

letterato e uomo politico italiano (Firenze ca. 1360-Bologna 1415). Ricco e squisito letterato, aprì la sua villa del Paradiso ai convegni dei migliori ingegni fiorentini. Tenne con F. Sacchetti corrispondenza in versi. Salì alle più alte cariche, ma, meno abile politico che uomo dotto, fu bandito nel 1400 sotto l'accusa di aver congiurato contro il Comune. Il suo canzoniere comprende poesie amorose, morali e politiche di gusto manieristico. Il suo nome è legato anche al romanzo Il paradiso degli Alberti di Giovanni Gherardi da Prato.

Media


Non sono presenti media correlati