Questo sito contribuisce alla audience di

Alfano, Franco

compositore italiano (Napoli 1876-Sanremo 1954). Studiò al Conservatorio di Napoli, si perfezionò a Lipsia e quindi visse per qualche tempo a Berlino (1896), Parigi (1899) e Mosca. Insegnò poi ai conservatori di Bologna, Torino, Roma e Pesaro; fu anche attivo concertista di pianoforte e critico musicale. Della sua produzione, che si colloca all'interno della tradizione verista italiana, sensibile però alle nuove acquisizioni armoniche dell'impressionismo francese e molto curata nell'orchestrazione, si ricordano le opere Resurrezione (1904), L'ombra di Don Giovanni (1913, rifatta nel 1941 col titolo Don Juan de Manara) e Sakuntala (1921, ristrumentata nel 1952), inoltre varie cantate, liriche e altra musica vocale, per orchestra, da camera e per pianoforte. Nel 1925, su proposta di Toscanini, fu incaricato dalla famiglia Puccini e dall'editore Ricordi di completare la partitura dell'opera Turandot di Puccini (il duetto finale dell'ultimo atto) in base agli appunti lasciati dall'autore.

Media


Non sono presenti media correlati