Questo sito contribuisce alla audience di

Almodóvar, Pedro

regista cinematografico spagnolo (Calzada de Calatrava 1949). Dopo un'attività artistica poliedrica che lo ha portato a sceneggiare fumetti, scrivere racconti, pièces teatrali e a militare in un gruppo rock, ha trovato la propria vocazione nel cinema, diventando una delle personalità più rappresentative della cinematografia iberica postfranchista. Spirito anarchico, iconoclasta, beffardo contro tutte le pesantezze delle istituzioni, ma anche profondamente permeato della cultura spagnola, dopo l'esordio nel lungometraggio nel 1980 con Pepi, Luci, Bom y otras chicas del montón (Pepi, Luci, Bom e le altre ragazze del mucchio), ha proseguito sicuro, allargando la propria notorietà oltre i confini nazionali, con prodotti sempre al limite dello scandalo. Tra le sue pellicole più apprezzate, ¿Qué he hecho yo para merecer esto? (1984; Che ho fatto per meritare questo?), Matador (1986), La ley del deseo (1986; La legge del desiderio), Mujeres al borde de un ataque de nervios (1988; Donne sull'orlo di una crisi di nervi), che è stato il più grande successo del cinema spagnolo degli anni Ottanta, ¡Àtame! (1989; Legami!) e Tacones lejanos (1991; Tacchi a spillo). Dopo Kika (1993; Kika, un corpo in prestito), di livello sicuramente minore rispetto ai precedenti, La flor de mi secreto (1996; Il fiore del mio segreto), che racconta le vicissitudini amorose di una scrittrice di romanzi rosa non più giovane, e il sensuale e lucido Carne tremula (1997), nel 1999 Almodóvar è tornato al successo internazionale con Todo Sobre Mi Madre (Tutto su mia madre): toccante e ironico, tragico e irresistibile, il film ha ottenuto il Premio per la regia al Festival di Cannes e l'Oscar, nel 2000, per il miglior film straniero. Nel 2002 è uscito Hable Con Ella (Parla con lei) che ha vinto l'Oscar per la miglior sceneggiatura originale nel 2003. Nel 2004 ha diretto La mala educaciòn, film che narra la pedofilia nei collegi spagnoli. Sempre al Festival di Cannes ha presentato Volver (2006), che ha vinto come miglior sceneggiatura, Los abrazos rotos (2009) e La piel que habito (2011; La pelle che abito).

Media

Pedro Almodóvar.Pedro Almodóvar.