Questo sito contribuisce alla audience di

Amirābād, cultura di-

così è stata denominata dall'archeologo russo S. P. Tolstov la civiltà del Ferro fiorita nell'antica Corasmia dal 1000 al 600 a. C., che porta poi a quella cosiddetta dei “borghi dalle mura abitate”, prima espressione di Stato organizzato con il quale la Corasmia assume fisionomia storica. Essa costituirebbe la fase terminale di un lento processo di sedentarizzazione, i cui antefatti probabilmente si collocano nelle manifestazioni delle culture neolitiche di Kelteminar (IV-III millennio a. C.) sviluppatesi lungo le zone costiere del Mar d'Aral. Forse prodotta da un incontro tra Massageti e Alani, la cultura di Amirābād presenta una ceramica grigio-nera di fattura rozza e decorata con motivi geometrici. Ma la sua importanza maggiore è di aver contribuito, come le ipotesi lasciano credere, al formarsi delle condizioni necessarie a uno stabile insediamento, con il quale si configura la cultura che la segue.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti