Questo sito contribuisce alla audience di

Anchieta o Ancheta, Juan de-

scultore spagnolo (Azpeitia 1540-Pamplona 1588). Fu uno dei maggiori artisti castigliani del Rinascimento, operando una sintesi tra le forme italiane e spagnole. Soggiornò in Italia, dove studiò il manierismo michelangiolesco e fu attratto dalle raffinatezze di I. della Quercia. A Valladolid (ca. 1565) venne a contatto con la scuola locale e con J. de Juní y Becerra, esperienza che lo portò a evitare un'accademica maniera michelangiolesca, elaborando uno stile contenuto ma di notevole forza espressiva, attraverso l'iconografia controriformistica. Collaborò agli altari maggiori di Santa Clara e Santa Casilda (Briviesca); scolpì l'Assunzione e l'Incoronazione della Vergine (1576; Burgos, cattedrale). Nel 1579 collaborò all'altare del capitolo del monastero di Las Huelgas (Decollazione di S. Giovanni Battista, Conversione di S. Paolo, Imposizione della pianeta a S. Ildefonso). Nell'ultimo periodo si avvicinò nuovamente all'impostazione michelangiolesca dei corpi umani: altare della Trinidad (1578; Jaca, cattedrale) dove è evidente l'influenza del Mosè; dossale dell'altare di San Miguel (dopo il 1580; Saragozza, cattedrale). La sua opera esercitò una profonda influenza sull'arte della Castiglia e della Navarra.

Media


Non sono presenti media correlati