Questo sito contribuisce alla audience di

Asigliano Vercellése

comune in provincia di Vercelli (8 km), 127 m s.m., 26,34 km², 1417 ab. (asiglianesi), patrono: san Vittore (seconda domenica di maggio).

Centro situato nella bassa pianura vercellese. Appartenne fin dal sec. IX alla Chiesa di Vercelli, che ne investì diversi signori. Agli inizi del sec. XV fu occupato dai Savoia, le lo contesero ai marchesi del Monferrato e ai Visconti. Rimasto ai Savoia, nel 1544 si ribellò al duca, ma fu espugnato e devastato dalle truppe dell'imperatore Carlo V. Nel 1619 il feudo passò dagli Avogadro ai Cavalca, giungendo infine ai conti di Buronzo. Il secentesco palazzo dei Buronzo conserva della struttura originaria la facciata con loggiato centrale a due ordini. Sopravvivono i resti del Palazzo Vescovile (sec. XII) e degli antichi bastioni. § L'economia si basa sull'agricoltura, rivolta alla coltivazione di frumento, foraggi e soprattutto riso, e sull'industria alimentare (risiere).§ In occasione della festa patronale si svolge il Palio dei Buoi, corsa di carri trainati da buoi, in ricordo della fine della peste per intercessione di san Vittore.

Media


Non sono presenti media correlati