Questo sito contribuisce alla audience di

Atlantico, battàglia dell'-

lotta aeronavale che Tedeschi da un lato e Inglesi e Americani dall'altro sostennero durante la seconda guerra mondiale per il controllo dell'Atlantico. I Tedeschi si proponevano di stroncare, con l'impiego di sommergibili coadiuvati da aerei da ricognizione, mine, navi di superficie, il traffico navale tra U.S.A. e Inghilterra; gli Alleati miravano invece a difendere la possibilità di comunicazioni tra loro, ricorrendo a tutti i mezzi per ridurre la minaccia dei sommergibili (sviluppo delle tecniche per l'individuazione dei mezzi nemici anche in immersione, impiego di aerei, portaerei, unità di scorta). Il 1942 fu l'anno più duro per gli Alleati, che persero otto milioni di tonnellate di naviglio; ma già nell'anno seguente le nuove costruzioni navali superavano le perdite, mentre nel 1944 la caccia ai sommergibili ottenne risultati decisivi, annullando l'efficacia dell'azione tedesca. Alla battaglia dell'Atlantico parteciparono anche, a fianco dei Tedeschi, alcuni sommergibili italiani i quali, per l'insufficienza delle loro prestazioni, ottennero risultati modesti.