Questo sito contribuisce alla audience di

Auer, Karl, baróne di Welsbach

chimico e inventore austriaco (Vienna 1858-Treibach, Carinzia, 1929). I suoi studi più importanti riguardarono gli elementi del gruppo delle terre rare, fra cui isolò il neodimio e il praseodimio, fino allora (1885) ritenuti un solo elemento, e ottenne il cerio allo stato puro. Oltre al becco che da lui prende nome, ideò un metodo per preparare filamenti di osmio e osmio-tungsteno per lampadine elettriche e realizzò una lega piroforica ferro-cerio (lega Auer).

Bruciatore a gas analogo al becco di Bunsen dal quale si differenzia per avere una reticella di ossido di torio sull'orifizio d'uscita della miscela aria-gas. Le radiazioni luminose emesse dalla reticella diventata incandescente rendono possibile l'uso del becco Auer per illuminazione.