Questo sito contribuisce alla audience di

Bòlza, Luigi

funzionario della polizia austriaca (Laveno, Como, 1786-Menaggio 1874). Dapprima alle dipendenze del Regno d'Italia (1810-14), fu poi alla direzione della polizia austriaca in Lombardia dove condusse in particolare le indagini che portarono al processo Confalonieri (1821) e a quello della Giovine Italia (1833-34). Fatto prigioniero dagli insorti durante le Cinque Giornate, ebbe salva la vita per l'intervento di C. Cattaneo e del conte V. Borromeo. Ritornati gli Austriaci, fu per qualche tempo intendente della casa Radetzky.

Media


Non sono presenti media correlati