Questo sito contribuisce alla audience di

Bòsi, Carlo Albèrto

poeta e patriota italiano (Firenze 1813-1886). Nel 1848 fu consigliere del governo provvisorio a Livorno e, dopo l'annessione della Toscana, funzionario di Stato. Ebbe facile vena di poeta popolareggiante. Nei suoi Versi e canti popolari d'un fiorentino (1859) si legge il notissimo canto: “Addio, mia bella, addio”, scritto, sulla melodia di un inno popolare di ignoto, in occasione della partenza dei volontari toscani per la campagna del 1848.

Media


Non sono presenti media correlati