Questo sito contribuisce alla audience di

Baltag, Cezar

poeta romeno (Mǎlinesti, Russia, 1939-1997). Dopo un esordio in cui era evidente l'inclinazione per l'onirico (Sogno planetario, 1964), Baltag è giunto con la maturità a forme di poesia ermetica e oracolare e alla costruzione di strutture linguistiche assai ricercate (Riposo nel grido, 1969; La Madonna del gelso, 1973; Unicorno allo specchio, 1975). La tendenza a convertire i valori affettivi in valori intellettuali si è capovolta negli ultimi lavori, mentre i suoi versi seguono un indirizzo non più ermetico, ma orfico (Dialogo a riva, 1985; Euridice e l'ombra, 1990).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti