Questo sito contribuisce alla audience di

Bard

comune della Valle d'Aosta (47 km da Aosta), 400 m s.m., 3,02 km², 139 ab. (bardesi, bardois), patrono: Maria Santissima Assunta (15 agosto).

Centro situato sul versante sinistro della Dora Baltea, presso il celebre forte fatto erigere nel sec. XI da Ottone di Bard. Nel 1242 Amedeo IV di Savoia conquistò il castello trasformandolo a più riprese. Nel 1800 gli austro-piemontesi vi si asserragliarono, arrestando per dodici giorni l'avanzata di Napoleone, che riuscì infine a impadronirsene. Il forte, raso al suolo dalle truppe francesi, fu fatto ricostruire dai Savoia nel 1830.§ Su uno sperone roccioso sorge il massiccio forte, costituito da tre corpi di fabbrica distinti collegati da passaggi interni: per otto mesi prigione di Camillo Benso conte di Cavour (1831), è oggi sede di manifestazioni ed esposizioni. Nel borgo medievale, ben conservato, spicca il settecentesco palazzo dei conti Nicole, a cavallo della strada principale. La parrocchiale dell'Assunzione di Maria, ricostruita contestualmente al forte nel sec. XIX, conserva il campanile originario (sec. XII-XIII).§ All'agricoltura (patate, cereali, uva) si affianca l'industria enologica (si produce il rinomato chambave rosso, moscato e moscato passito). Nel territorio è attiva una centrale idroelettrica.§ Nei dintorni è la gola di Bard, formata da un dosso montonato con versanti rocciosi ripidissimi usati oggi come palestra dagli appassionati di arrampicata libera.

Media


Non sono presenti media correlati