Questo sito contribuisce alla audience di

Bargagli, Scipióne

letterato italiano (Siena 1540-1612). Fratello di Girolamo, ebbe grande rinomanza per il Trattato delle imprese (1594); ma oggi è soprattutto ricordato per i Trattenimenti (1587), raccolta di giochi, novelle, canzonette di grande interesse folcloristico; pregevoli, sul piano artistico, sono le novelle d'intonazione patetica ed elegiaca. Al Bargagli si deve anche il Turamino (1602), un dialogo in cui si rivendica, contro l'egemonia del fiorentino, la purezza della parlata senese.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti